Intervista a Loredana Fiori su "Il mio amico elfo - Il segreto delle befane"


Benvenuta, Loredana. Tu scrivi racconti per bambine e fiabe nei quali trasfondi la tua esperienza di educatrice di infanzia e di mamma. Le fiabe in particolare aiutano il bambino a scoprire il suo mondo interiore, emotivo. Vuoi parlarci di questo aspetto?

Spiegare in breve un argomento così articolato non è facile: tralasciando molti aspetti si può dire che la fiaba costituisce un aiuto psico-pedagogico nella crescita. La psicologia ha fornito molti strumenti che permettono di comprendere gli insegnamenti e gli effetti che le fiabe hanno avuto da sempre in tutti noi, rivalutandone l'aspetto troppo spesso sottovalutato. Riconoscendone una specifica forma di linguaggio espressivo utile a far crescere i bambini e a potenziare in loro la capacità di parlare all' inconscio emotivo.

Raccontare una fiaba potrebbe sembrare “fuori moda”: oggi i bambini sono sempre più attratti dalla televisione e da internet, strumenti interessanti da non demonizzare ma che non sono sempre in grado di dare le giuste risposte alle domande che si pone il bambino in quella che si chiama età evolutiva.

Le fiabe permettono ai bambini di sperimentare meraviglia, di confrontarsi con le potenzialità dei personaggi e le innumerevoli possibilità della fantasia, trasmettono valori morali, e soprattutto favoriscono e stimolano l’immaginazione, motore della creatività.

Quando si racconta una fiaba si regala ai bambini un momento divertente che stimola la curiosità e che è anche un vero e proprio allenamento al saper riconoscere e gestire le emozioni: conoscendo gli stati emotivi dei vari personaggi è come se il bambino si trovasse di fronte ad uno “uno specchio” attraverso il quale riconoscere e comprende i propri stati d’animo e le conseguenze positive o negative che alcune emozioni possono scatenare.

La realtà viene semplificata, usando un linguaggio a lui più congeniale, quello della fantasia, La fiaba è uno strumento che vanta importanti funzioni sia psicologiche che pedagogiche in quanto: permette di far conoscere al bambino le possibili avventure e disavventure della vita, insegna a riconoscere i “buoni” dai “cattivi” e il “bene “ dal “male”, mettendolo in contatto con emozioni sia positive che negative, evoca situazioni felici e rassicuranti ed esorcizza elementi violenti, negativi e ostili della realtà e del mondo che il bambino inizia a conoscere. Raccontare una una fiaba a un bambino è un atto d'amore di grandissimo valore educativo, è un “tempo di qualità” soprattutto se, dopo il racconto, si offrono risposte alle domande piene di curiosità dei piccoli ascoltatori. A proposito di fiabe, Loredana, vuoi parlarci del concorso letterario indetto da Amazon, al quale hai partecipato? Domanda di riserva? Scherzo ovviamente! Il concorso è iniziato a Maggio, con la possibilità di partecipare pubblicando entro il 31 Agosto ed era aperto a tutti i generi letterari. Inaspettatamente la prima selezione che vede i cinque finalisti del premio letterario Amazon 2020 è stata resa pubblica venerdì scorso... In molti pensavamo erroneamente avvenisse a fine Ottobre. E niente! Non sono tra i finalisti. Pur avendo una media recensioni di 4.9 e stando a metà della pagina 1 su 136 non sono arrivata in finale. È comunque stata un esperienza e sono grata per l'opportunità, tutto serve a crescere, far chiarezza e a migliorare, giusto? Sicuramente, Loredana. Vuoi parlarci dell'opera con la quale hai partecipato? Tutte le mie fiabe partono dal simbolismo nascosto tra le righe. E questa volta è avvenuto tutto per caso sfogliando un vecchio breviario di mitologia in cui si accenna a 12 figure che solcano i cieli una vecchia tradizione pagana. Da lì il passo è stato breve ed è nata una storia. Nella cittadina d Giweay il tempo sembra essersi fermato. A volerla trovare bisognerebbe sorvolare le verdi colline della "Terra di Smeraldo" tra le vaste brughiere e i boschi che ricoprono l'Isola d'Irlanda. Abitata da uomini che non fanno più caso alle stranezze che accadono in quei luoghi dove piccole creature vivono indisturbati. Tutti tranne Niall. La foresta vicino casa nasconde dei segreti ed è deciso a scoprirli ma un antico segreto lo attende. “Il mio amico elfo - Il segreto delle befane” contiene illustrazioni realizzate dai bambini. Come è nata questa idea? Chi sono i tuoi piccoli collaboratori? I miei piccoli lettori sono i miei piccoli artisti. Devi sapere che ho creato tempo fa un gruppo Facebook di intrattenimento per i miei piccoli lettori e le loro mamme. Durante il lockdown ho proposto una gara di disegno e una di scrittura per intrattenere i bambini (tra le altre cose) e hanno accettato con entusiasmo. I loro lavori artistici, nella loro spontaneità, oltre a essere un gioco, sono una porta aperta per comunicare con l'ambiente e le persone un mezzo per esprimere emozioni, il loro mondo. Da lì a breve per rendere più interessante il gioco e riproporlo avevo a disposizione solo le bozze del racconto che stavo finendo e così ho deciso di serializzare online alcuni episodi della fiaba e di invitare i bambini tra i 7 e i 12 anni a partecipare a un torneo di disegno. I bambini hanno avuto la possibilità di leggere ogni giorno degli episodi nuovi della storia e di disegnare ciò che gli episodi ispiravano, inviare il loro disegno e partecipare così al Torneo. I 12 disegni sono stati scelti e selezionati da una giuria composta da Una scrittrice Due artiste Una editor Una digital coach Ogni disegno è una piccola opera d'arte. All’interno del libro è contenuta anche un’avventura scritta da una bambina. Sì! Una piccola scrittrice erba! Il suo nome è Giulia Giacon ha 10 anni ed è una bambina dolcissima dai grandi occhi, timida a tratti riservata ma con una grande forza che scalpita impaziente di uscire. Poco prima della pubblicazione ci siamo conosciute con una videochiamata e fatto una lunghissima chiacchierata. È ancora incredula di aver vinto. Veder pubblicato un testo seppur piccolo è motivo di orgoglio e gratificazione per la piccola che lavorerà sodo per imparare di più e continuare a scrivere se questo è il suo sogno nel cassetto. Deve essere stata una grande emozione per Giulia Giacon, alla quale faccio i miei migliori auguri per il suo futuro da scrittrice. Il tuo libro contiene pure delle schede interattive e una ricetta. In cosa consistono di preciso? Raccontare fiabe permette di comunicare con il bambino in maniera interattiva affinché egli possa iniziare a familiarizzare con la lettura e con la scrittura, coinvolgendo la sfera cognitiva ed emotiva, imparare a comunicare con gli altri, potenziare la creatività espressiva, sviluppare il linguaggio e la capacità di esprimere stati d’animo, sentimenti ed emozioni. Ma perché fermarsi a questo aspetto? Ascoltando le richieste e i suggerimenti dei miei piccoli lettori, già dal primo racconto del Il Mio Amico Elfo ho inserito delle schede operative. Leggere deve essere gioia e divertimento. Se vogliamo che imparino ad amare i libri, questi devono racchiudere stimoli nuovi ed essere dei compagni di gioco e avventure. Sono schede semplici, realizzate con grafiche colorate che sono complementari al racconto. Stimolano la coordinazione oculo/manuale: ritaglia, incolla, disegna scrivi e...impasta. Ritagliare una paper doll con la silhouette della Befana Frigg. Come realizzare una calza. Scrivere una lista dei desideri. Un labirinto. Scrivere una letterina. E possono imparare a fare i pancake (la ricetta arriva direttamente dagli appunti di mia nonna) con l' aiuto della mamma. Come definirlo? Un piccolo laboratorio di cucina, un gioco che possa rinnovarsi in prossimità delle feste, far ricordare racconto e magari tornare a rileggerlo ogni anno. Siamo arrivate al termine di questa nostra chiacchierata e un po' mi dispiace di doverti salutare. C’è qualcosa che vorresti aggiungere, in chiusura di questa intervista? Oh! Dispiace anche a me. Ti sono grata per questa opportunità e... sì, una cosina sola prima di salutarci. Spero che il libro piaccia a grandi e piccoli lettori! Che faccia sorridere in questi giorni anomali che ci aspettano e sia spunto di tante cose belle. Si può trovare su Amazon e presso la libreria Saphira di Grazzano Visconti. E, se dopo averlo letto, vorranno lasciare una recensione ne sarò infinitamente grata a tutti. Accogliamo l'invito di Loredana, dalla quale mi congedo con un affettuoso saluto congratulandomi con lei per il suo spirito d'iniziativa e la sua creatività. Riporto qui di seguito il link di "Il mio amico elfo - Il segreto delle befane" di Loredana Fiori. Contiene anche la trama: https://www.amazon.it/dp/B08FX2GN98/ref=dp-kindle-redirect?_encoding=UTF8&btkr=1

Search By Tags